DALLA PUGLIA A LONDRA

di Tasha Spedicato

Londra


Un mese fa sono entrata a far parte anch’io del nutrito gruppo (39.400 secondo la National Insurance) degli italiani a Londra. Come tanti neolaureati, ho scelto di trascorrere nella capitale britannica qualche mese per frequentare un corso intensivo di lingua e per arricchire il mio curriculum vitae, nella sfrenata corsa alle qualifiche post lauream.

Londra è risultata essere la prima meta europea per i giovani italiani e bastano pochi giorni qui per capirne il perché.

Pochi mesi fa fece discutere un articolo del Sun, titolato “Pigs here”, sulla cospicua migrazione dai Paesi del Mediterraneo alla Gran Bretagna in questi anni di crisi economica. L’autore accusava i giovani immigrati portoghesi, italiani, greci e spagnoli (da cui l’acronimo “PIGS”, in inglese “maiali”) di voler solo approfittare dei sussidi di disoccupazione inglesi e del miglior welfare d’oltre Manica, senza apportare alcun beneficio al mondo del lavoro britannico. Nonostante gli stessi dati ufficiali del governo inglese affermino che solo il 2% di tutti gli immigrati hanno fatto ricorso ai sussidi di disoccupazione o ad altri benefici assistenziali, basta fare una passeggiata per la City o all’interno dei numerosi campus universitari per scoprire quanti miei coetanei, laureati in Italia, sono qui per un dottorato di ricerca, per frequentare master universitari o ricoprono incarichi lavorativi presso banche, società finanziarie o grandi imprese che probabilmente in Italia non avrebbero mai potuto ottenere.

Quindi non soltanto manodopera non specializzata come i più pensano, anzi.

Il fenomeno migratorio giovanile riguarda, infatti, soprattutto i laureati italiani, quelli che dovrebbero essere la nostra futura classe dirigente. Secondo una ricerca di Almalaurea, il consorzio di 64 atenei del nostro paese, sono almeno 5mila i giovani che ogni anno vengono assunti da società all'estero, dopo essere stati formati in Italia. Il dato più preoccupante è, però, quello fornito da Demos, un think tank inglese fondato negli anni Novanta, secondo il quale il 63% dei giovani sotto i 35 anni è ormai convinto che le uniche possibilità di carriera risiedano all’estero.

Londra è la nuova America, una metropoli dove ancora progetti e idee possono prender forma, dove la burocrazia è veloce e le opportunità (di lavoro e di svago) infinite.

È una città culturalmente viva, pulita ed ordinata, nonostante i suoi 8milioni e mezzo di abitanti. E’ una città cordiale, dove tutti, autoctoni inclusi, sono sempre pronti a darti informazioni e scambiare due chiacchiere. È giovane e multietnica in ogni suo centimetro quadrato, è impossibile non stringere nuove amicizie e non imparare un po’ di qualsiasi lingua straniera.

Ed è così che, una volta arrivato qui, improvvisamente, non ti preoccupi più del clima pessimo, dell’introvabile buon espresso o del cibo spazzatura e l’Italia, in men che non si dica, non ti manca più.

LAVORARE NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Le organizzazioni internazionali sono un'eccellente occasione per fare esperienze all'estero, soprattutto per i neolaureati. Il Ministero degli affari esteri ha pubblicato una guida a questa tipologia di collaborazioni, che possono comprendere stage, tirocinii ma anche impieghi.
Consulta il file che ti mettiamo a disposizione.
(TS)

Tipo Nome file Descrizione N. clicks
lavorare-nelle-organizzazioni-internazionali.pdf Lavorare nelle organizzazioni internazionali Read description Lavorare nelle organizzazioni internazionali Lavorare nelle organizzazioni internazionali  ( 1133 )
SPECIALE STAMPA ITALIANA ALL'ESTERO

Sono molti, e sono diffusi in quasi tutti i Paesi: sono i giornali in lingua italiana, spesso con tirature interessanti, ed ai quali potresti guardare per uno stage o per inviare il tuo CV da aspirante giornalista.
Scarica qui l'elenco completo delle testate.

Tipo Nome file Descrizione N. clicks
elenco_giornali_all_estero.pdf Elenco giornali italiani nel mondo Read description Elenco giornali italiani nel mondo Elenco giornali italiani nel mondo  ( 1429 )
Studiare o fare ricerca negli Stati Uniti? Le borse del Programma Fulbright possono aiutarti a coron

Le borse di studio Fulbright, offerte per progetti di studio, ricerca ed insegnamento nelle migliori università statunitensi, sono riservate a cittadini italiani laureati (laurea vecchio ordinamento, laurea magistrale e laurea triennale) o diplomati dalle Accademie d'Arte o Musica. Possono partecipare al programma anche assegnisti di ricerca, ricercatori, professori associati, professori universitari.

Requisito essenziale di partecipazione ai concorsi Fulbright è una ottima conoscenza della lingua inglese comprovata dal certificato TOEFL (Test of English as a Foreign Language) o dal certificato IELTS (International English Language Testing System, modalità Academic format).

Tutte le borse di studio Fulbright includono le spese di viaggio tra l'Italia e gli Stati Uniti e la copertura medico assicurativa finanziata dal Governo degli Stati Uniti.

Trovi tutte le informazioni a questo link:
www.fulbright.it/it/borse-di-studio/italiani
(a cura di T.S.)

Voglio studiare l'inglese negli Stati Uniti ...

Studiare l'inglese negli Stati Uniti è il modo migliore per prepararsi al test TOEFL, oppure per accedere ad un corso di Ph.D in una prestigiosa Università. Qui troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Tipo Nome file Descrizione N. clicks
studiare_inglese_negli_Stati_Uniti.pdf Studiare inglese negli Stati Uniti Read description Studiare inglese negli Stati Uniti Studiare inglese negli Stati Uniti  ( 1324 )
Tipo Nome file Descrizione N. clicks
borse-di-studio-collegio-d-europa-2013.pdf 45 borse di studio del collegio d'Europa Read description 45 borse di studio del collegio d'Europa 45 borse di studio del collegio d'Europa  ( 1173 )
UNA GRANDE OPPORTUNITÀ: INSEGNARE ITALIANO ALL'ESTERO.

SUGGERIMENTI, IDEE, INFORMAZIONI E LINK PER CHI VUOLE TENTARE QUESTA ESPERIENZA

Tipo Nome file Descrizione N. clicks
Insegnare italiano in Paesi esteri.docx Insegnare italiano in Paesi esteri Read description Insegnare italiano in Paesi esteri Insegnare italiano in Paesi esteri  ( 2477 )
Lavorare all'estero? EURES è la tua porta d'ingresso

Istituita nel 1993, EURES è una rete di cooperazione che collega la Commissione europea e i servizi pubblici per l'impiego dei paesi appartenenti allo Spazio economico europeo (i paesi dell’UE più la Norvegia, Islanda e Lichtenstein), la Svizzera e altre organizzazioni partner.
Le risorse congiunte dei membri EURES e delle organizzazioni partner fornisce una base solida che permette alla rete EURES di offrire servizi di qualità elevata a lavoratori e datori di lavoro.
EURES dispone di un rete di più di 850 consulenti EURES che ogni giorno sono in contatto con persone alla ricerca di un impiego e datori di lavori in tutta Europa.
Un database indispensabile per cercare, e trovare, lavoro nei Paesi dell'Unione europea. (TS).
Il link per il sito EURES è
http://ec.europa.eu/eures/home.jsp?lang=it

UNA RETE PER LA TUA SALUTE. GLI OSPEDALI ITALIANI NEL MONDO

Hai bisogno di un ospedale ma sei all'estero?
Fuori dall'Italia ci sono 44 strutture sanitarie italiane, che aderiscono all'Alleanza degli Ospedali italiani nel mondo. L'elenco completo di queste strutture è a questo link:
http://www.salute.gov.it/ipocm/sezOrganizzazione_osp.jsp?men=orga&language=italiano&id=217
Per ogni ospedale è riportato l'indirizzo email.
Se prevedi di fare un viaggio in un Paese nel quale si trova uno degli ospedali italiani, contattalo per informarti sui servizi sanitari che offre e sulle condizioni per accedervi.
La tua vacanza, o il tuo viaggio di lavoro, saranno più sicuri! (TS)

VOLUME: GLI EMIGRANTI PUGLIESI IN AUSTRALIA
Tipo Nome file Descrizione N. clicks
VOLUME_GLI-EMIGRANTI-PUGLIESI-IN-AUSTRALIA.docx VOLUME GLI EMIGRANTI PUGLIESI IN AUSTRALIA Read description VOLUME GLI EMIGRANTI PUGLIESI IN AUSTRALIA VOLUME GLI EMIGRANTI PUGLIESI IN AUSTRALIA  ( 1430 )
DOCUMENTI
Tipo Nome file Descrizione N. clicks
Programma Fulbright per borse di studio negli USA.pdf Cerchi una borsa di studio per gli Stati Uniti? Ecco a chi rivolgersi. Read description Cerchi una borsa di studio per gli Stati Uniti? Ecco a chi rivolgersi. Cerchi una borsa di studio per gli Stati Uniti? Ecco a chi rivolgersi.  ( 1546 )
Guida per gli italiani all estero.pdf Guida per gli italiani all'estero Read description Guida per gli italiani all'estero Guida per gli italiani all'estero  ( 1358 )
Deliberazione della Giunta Regionale n. 1378 del 21 giugno 2011.pdf PIANO 2011 “INTERVENTI IN FAVORE DEI PUGLIESI NEL MONDO” Read description PIANO 2011 “INTERVENTI IN FAVORE DEI PUGLIESI NEL MONDO” PIANO 2011 “INTERVENTI IN FAVORE DEI PUGLIESI NEL MONDO”  ( 1531 )
Guida AIRE 2010.pdf Tutto quello che occorre saper per essere un pugliese all'estero! Read description Tutto quello che occorre saper per essere un pugliese all'estero! Tutto quello che occorre saper per essere un pugliese all'estero!  ( 1487 )
Trovare un lavoro in Europa.pdf Una guida pratica per chi vuole lavorare in Europa; suggerimenti, consigli e rischi da evitare! Read description Una guida pratica per chi vuole lavorare in Europa; suggerimenti, consigli e rischi da evitare! Una guida pratica per chi vuole lavorare in Europa; suggerimenti, consigli e rischi da evitare!  ( 1360 )
SONO ALL'ESTERO: POSSO GUIDARE CON LA MIA PATENTE ITALIANA?
Tipo Nome file Descrizione N. clicks
guidare-estero-con-propria-patente.doc SONO ALL'ESTERO: POSSO GUIDARE CON LA MIA PATENTE ITALIANA? Read description SONO ALL'ESTERO: POSSO GUIDARE CON LA MIA PATENTE ITALIANA? SONO ALL'ESTERO: POSSO GUIDARE CON LA MIA PATENTE ITALIANA?  ( 1529 )
Link borse di Studio

Accedi da questo link alle borse di Studio offerte ai cittadini italiani da Paesi stranieri ed Organizzazioni internazionali per l'A.A. 2012-2013.

http://borsedistudio.esteri.it/borsedistudio/index.asp

Sono un pugliese all’estero per studio e/o lavoro. Come posso esercitare il mio diritto al voto?

I pugliesi che hanno la residenza all’estero e sono regolarmente iscritti all’AIRE possono esercitare il diritto di voto all’estero nel luogo di residenza per le elezioni politiche nazionali, per i referendum abrogativi e costituzionali (artt. 75 e 138 della Costituzione), e per le elezioni del Parlamento europeo.
Il voto all’estero per le elezioni politiche nazionali e i referendum è regolato dalla Legge 27 dicembre 2001, n. 459 e dal relativo Regolamento attuativo (D.P.R. 2 aprile 2003, n. 104), in attuazione degli art. 48, 56 e 57 della Costituzione, che hanno istituito la Circoscrizione Estero.
Il voto all’estero per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento europeo è invece regolato dalla legge 24 gennaio 1979 n. 18 e dal Decreto-legge del 24 giugno 1994 n. 408 (convertito in legge 3 agosto 1994, n. 483).
Gli elettori pugliesi residenti all’estero e regolarmente iscritti all’AIRE possono altresì votare per l’elezione dei rappresentanti dei COMITES – Comitati degli italiani all’estero (legge 23 ottobre 2003, n. 283).
Non è possibile votare all’estero per le elezioni comunali, provinciali e regionali. (TS)

Sono un pugliese all’estero, ho bisogno del tesserino con il codice fiscale. Come posso ottenerlo?

Il codice fiscale, che costituisce lo strumento di identificazione del cittadino nei rapporti con gli enti e le amministrazioni pubbliche italiane, viene rilasciato dall’Agenzia delle Entrate.
Se sei all’estero e ne hai bisogno,  puoi chiederlo rivolgendoti all’Ufficio consolare più vicino al luogo in cui ti trovi.
L’attribuzione del codice fiscale è immediata ed avviene attraverso un apposito collegamento telematico con il servizio Fisconline dell’Agenzia delle Entrate. Il tesserino ti verrà successivamente spedito dall’Agenzia all’indirizzo che avrai indicato.
Per richiedere il codice fiscale presso l’Ufficio consolare è necessario presentare un modulo di richiesta unitamente alla copia di un tuo documento d’identità valido.
Per le specifiche modalità di richiesta (trasmissione via fax, mail, ecc.) ti suggerisco di visitare il sito web dell’Ufficio consolare presso il quale devi presentare la richiesta. L’elenco completo delle sedi dei consolati italiani all’estero è disponibile sul sito del Ministero degli Esteri www.esteri.it. (TS)

Sono all’estero ed ho bisogno di assistenza sanitaria. Come posso ottenerla?

Se ti trovi in uno degli stati dell’Unione Europea, in Svizzera, in uno dei Paesi dello Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein) oppure in un Paese con cui l’Italia ha stipulato un’apposita convenzione, puoi avere l’assistenza sanitaria diretta presentando la documentazione prevista dai Regolamenti comunitari o dai singoli accordi (nei Paesi dell’Unione europea in genere è sufficiente esibire la tessera sanitaria).
Se ti trovi per motivi di lavoro nei Paesi al di fuori dell’U.E. e con i quali non ci sono accordi bilaterali in materia di assistenza sanitaria, devi anticipare le spese sanitarie e poi chiedere il rimborso tramite l’Ufficio consolare all’estero.
I cittadini italiani che trasferiscono la residenza in uno Stato con il quale non è in vigore alcuna convenzione con l’Italia perdono il diritto all’assistenza sanitaria a carico del Servizio Sanitario Nazionale e dovranno quindi provvedere autonomamente, secondo le modalità previste dal Paese di destinazione.
Le cure di altissima specializzazione all’estero, sono ammesse a carico del Servizio Sanitario Nazionale, in via di eccezione, per prestazioni che non siano ottenibili nel nostro Paese tempestivamente o in forma adeguata. Esse debbono essere preventivamente autorizzate dalla ASL di appartenenza. (TS)

Sono all’estero e mi rubano (o smarrisco) i documenti. Cosa posso fare?

In caso di smarrimento o di furto dei documenti d’identità personale devi andare al più vicino Ufficio consolare, che si metterà in contatto con la Questura del tuo capoluogo o con il tuo Comune di residenza. Ottenute le autorizzazioni, il Consolato può rilasciarti un nuovo documento oppure un documento di identità sostitutivo provvisorio che ti permetta di rientrare in Italia.
In ogni caso, devi presentarti in Consolato con una copia della denuncia alla polizia locale, due foto tessera e ogni altro documento (codice fiscale, tessera sanitaria, patente di guida, documenti emessi da altre amministrazioni, etc.) che permetta al Consolato la tua identificazione. Se non hai nessuno di questi documenti, devi presentare al Consolato dei testimoni che possano garantire sulla tua identità. (TS)

NEWS

"Dove siamo nel mondo" è un servizio del Ministero degli Affari Esteri che consente agli italiani che si recano temporaneamente all'estero di segnalare - su base volontaria - i dati personali, al fine di permettere all'Unità di Crisi, nell'eventualità che si verifichino situazioni di grave emergenza, di pianificare con maggiore rapidità e precisione interventi di soccorso.

LINK UTILI

Ministero degli Affari Esteri

Associazione Internazionale Pugliesi nel Mondo

Puglia Center of America

Dove siamo nel mondo

Pugliesi In America - Italica

Italian Leadership

Italiansonline

ARPA Association of Pugliesi in America

Associazione Pugliesi in Spagna

Associazione Regionale Pugliesi